aggiorna4
  • L’Unesco il 13 luglio scorso ha avvertito che Venezia potrebbe non far parte dei siti patrimonio dell’umanità se il governo italiano non interverrà entro il 1 febbraio del 2017 per salvare l’ecosistema della laguna, riorganizzare i flussi turistici eccessivi e impedire l’entrata della grandi navi. Quest’ultima pratica che rischia di mettere in ginocchio la città sia per l’insostenibilità dei passaggi in una ambiente obbiettivamente fragile sia per il livello di inquinamento provocato dalla loro presenza come dimostrato dagli studi dell’Associazione ambientalista tedesca Nabu. E tutto in favore degli affari di gruppi di pressione, dal commercio ai propugnatori delle grandi opere. Invece per una Venezia bella e pulita domani 25 settembre si svolgerà la manifestazione «par tera e par mar» contro le grandi navi a partire dalle ore 15.30, dalla riva delle Zattere.

geografia dei poteri

scritture

diritti comuni

chau-doc-quartiere-cham-9-20130813

movimento terra

spartiti di massa

storie

schermi

arte

scienze e tecnologia

economia

rimessa dal fondo

discipline