• Regno Unito: il taglio delle tasse e la stabilità finanziaria

    La Banca d’Inghilterra ha avvertito che se le turbolenze monetarie e finanziarie ” continuassero o peggiorassero, ci sarebbe un rischio materiale per la stabilità finanziaria del Regno Unito”. Nei giorni scorsi  non sono bastate le rassicurazioni della stessa banca centrale e quindi è dovuta intervenire sui mercati per sostenere i titoli di Stato con acquisti per 65 miliardi di sterline. Le turbolenze che oltre che a far salire i tassi di titoli e mutui hanno fatto svalutare la sterlina – avvicinatasi alla parità con il dollaro – sono cominciate quando la nuova Primo ministro e conservatrice Liz Truss – con l’appoggio del ministro delle finanze Kwasi Kwarteng – ha annunciato un mega taglio di tasse (45 miliardi di sterline) favorevole soprattutto ai percettori di redditi alti e altre misure in favore di imprese e famiglie che sarebbero finanziate a debito. I mercati non hanno credito perché di fatto non considerano sostenibile per le finanze del Regno Unito un tale approccio. La Banca d’Inghilterra ha dichiarato che acquisterà titoli “qualunque sia il livello necessario”. Basterà?

geografia dei poteri

donne

spartiti di massa

scritture

diritti comuni

NO armi nucleari

movimento terra

storie

cinema

arte

scienze e tecnologia

teatro

economia

sport

discipline