1° maggio: Riccardo Lombardi e il socialismo nel 1967

Calogero Cascio 1 maggio portella della ginestra

Il versa in una condizione drammatica, in tutto il mondo. Lo schiavismo è presente anche in Europa, questo perché il costo del lavoro è l'unica variabile considerata, non solo dagli imprenditori privati. I diritti sembrano evaporati, oggi c'è poco da festeggiare ma molto da fare nel ricordo di chi, letteralmente, muore di lavoro nella quasi totale indifferenza della politica e della “società civile”. Forse questo modello globalizzato, che sembra indiscutibile, non fa rima con libertà e tutela delle persone. Il 1° maggio 1967, il dirigente socialista Riccardo Lombardi diceva: «i socialisti vogliono la società più ricca perché diversamente ricca: è il tipo di benessere, il tipo cioè di consumi che noi vogliamo cambiare, sono veramente le basi delle aspirazioni e delle preferenze e delle soddisfazioni da dare a queste preferenze che noi vogliamo cambiare, perché il socialismo è un progetto dell'uomo, soprattutto, è un progetto dell'uomo diverso, che abbia diversi bisogni e trovi il modo di soddisfare questi bisogni». Che avesse ragione?

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article