Ambrogio Lorenzetti a Massa Marittima

history 3 minuti di lettura

Ambrogio Lorenzetti e la sua opera innovatrice è nuovamente sotto i riflettori. Dopo la mostra organizzata lo scorso ottobre 2017 nel Complesso Museale Santa Maria della Scala a Siena, è la volta del Complesso di San Pietro all’Orto di Massa Marittima, che dal 2 giugno al 16 settembre 2018, presenta una raccolta di 11 opere del maestro medievale.

La mostraAmbrogio Lorenzetti in Maremma. Capolavori dei territori di Grosseto e Siena” riunisce una serie di opere comprese tra il 1320 e il 1340 attorno alla celebre Maestà realizzata in tempera su tavola intorno al 1335, dipinta per la chiesa agostiniana di San Pietro all’Orto e che, dopo essere stata ritrovata nel 1867 nella soffitta della Chiesa di Sant’Agostino ed essere passata attraverso varie collocazioni temporanee, ha trovato oggi la sua sede definitiva nel Museo di Arte Sacra della cittadina toscana.
Autografa del pittore, la grande Maestà (150cmx205cm) è una delle prime opere allegoriche della sua attività artistica. Altrettanto grandi per misure, se ne contano infatti altre due dipinte a fresco: una nella chiesa di Sant’Agostino di Siena e l’altra nella cappella di San Galgano a Montesiepi (Siena). Con la sua iconografia complessa e un sovraffollamento di personaggi intorno ad un trono di cui compaiono solo parte dei gradini, il Lorenzetti elaborò un’opera in cui si intravedono i cambiamenti di stile che stava operando sia nella tecnica dei chiaroscuri sia nella caratterizzazione delle figure, che cominciavano ad assumere atteggiamenti più naturali e “disinvolti”.

Ambrogio Lorenzetti, Re Salomone, affresco distaccato e applicato su supporto di vetroresina, 133 x 93 cm, Siena, Museo Diocesano di San Bernardino
foto © Archivio Arcidiocesi di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino

A partire da questa opera magistrale si dipana il percorso espositivo della mostra che, integrato da video e pannelli multimediali, affianca opere quali il frammento con la figura di Re Salomone, parte delle cornici di raccordo tra le scene eseguite per la sala Capitolare del convento senese di San Francesco, dipinte da Ambrogio e dal fratello Pietro; la Croce dipinta della Pieve di Montenero d’Orcia; le sinopie dell’Annunciazione della Cappella di San Galgano a Montesiepi; le scene affrescate lungo il lato orientale del Chiostro di San Francesco di Siena; l’Allegoria della Redenzione, della Pinacoteca di Siena, che ricorda gli affreschi del Buono e del Cattivo Governo di Palazzo Pubblico a Siena. Il percorso espositivo prosegue anche all’interno della Chiesa di San Pietro all’Orto (Museo degli Organi Meccanici Antichi) e la Cattedrale di San Cerbone, dove sono presenti affreschi recentemente attribuiti all’artista senese.

L’interesse attorno al pittore, che morì a Siena come il fratello Pietro durante la grande peste del 1348, si era ravvivato già nel 2015 nell’ambito del programma della città di Siena designata Capitale Italiana della Cultura, che dell’artista custodisce circa il 70% delle sue opere conosciute. Era stata l’occasione per intraprendere una campagna di restauri “aperti” all’interno del Complesso Museale di Santa Maria della Scala: un laboratorio permanente che permetteva di familiarizzare i visitatori con i capolavori dell’artista, osservando anche il lavoro del restauratore. Agli interventi conservativi del 2015 – gli affreschi staccati della Cappella di San Galgano (Montesiepi) e il Polittico della Chiesa di San Pietro in Castelvecchio (Siena) – era seguita l’apertura di altri due cantieri di restauro nel 2016: nella chiesa di San Francesco (affreschi della Sala Capitolare dei frati francescani) e nella chiesa di Sant’Agostino, nel cui capitolo il Lorenzetti dipinse un ciclo di storie di Santa Caterina e Gli articoli del Credo.

 

L’esposizione di Massa Marittima è quindi il culmine di un progetto, che scandito in più tappe, ha permesso di approfondire la conoscenza e sottolinearne, una volta ancora, i pregi di uno dei maestri del trecento italiano.
V.Ch.

Ambrogio Lorenzetti in Maremma. I capolavori dei territori di Grosseto e Siena
Complesso Museale di San Pietro all’Orto
Massa Marittima (Grosseto)

Costo biglietto: intero 7 euro – ridotto 5 euro
Informazioni: 0566 901954

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article