Anne Weber: Annette, un poema eroico.

Anne Weber Annette un poema eroico
history 3 minuti di lettura

La protagonista del libro di Anna Weber Annette, un poema eroico è Annette Beaumanoir. Annette Beaumanoir è una neurofisiologa francese. Nacque in Bretagna in una famiglia di umili origini il 30 ottobre 1923. La sua vita è diventata leggendaria, perché è stata costellata da slanci di grande eroismo e di eccezionale generosità nel quadro di un’esistenza sempre scandita da momenti di ordinaria e semplice umiltà.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, quando era studentessa di Medicina e militante clandestina del Partito Comunista, in un giorno di giugno del 1944 venne a conoscenza che ci sarebbe stato un rastrellamento in un quartiere della capitale francese.
Le fu chiesto da alcuni amici con cui era in contatto di avvisare una donna di nome Victoria, che nascondeva una famiglia ebrea, al fine di sottrarre i membri alle vessazioni e ai gravi rischi di deportazione.
Annette, sebbene sapesse che il Partito Comunista disapprovava le iniziative non preventivamente valutate, non esitò a recarsi da Victoria. Portò con sé e nascose i componenti più giovani della famiglia ebrea, il figlio Daniel di 16 anni e la figlia Simon di 14 anni.
Li trasferì in un nascondiglio dove alloggiavano anche alcuni membri della Resistenza, che fu successivamente oggetto di un’irruzione della Gestapo.
I due giovani fuggirono e, dopo rocambolesche vicende, si salvarono. Annette, per sottrarli definitivamente ad ulteriori rischi, li portò a vivere con i suoi genitori nella casa a Dinan.
Per questa vicenda Annette, insieme ai suoi genitori, è stata riconosciuta come Giusta tra le Nazioni (il riconoscimento attribuito ai non ebrei che in modo eroico e senza interesse personale hanno messo a rischio la propria vita per salvare anche un solo ebreo dal genocidio nazista).
Terminato il conflitto mondiale e diventata docente di Neurologia, Annette Beaumanoir sempre animata da un innato desiderio di giustizia, avendo conosciuto le vicende algerine, dette supporto in Algeria al Fronte di Liberazione Nazionale (FNL): per questo le fu inflitta una condanna a dieci anni di reclusione.

Anne Weber Annette, un poema eroicoLa scrittrice tedesca Anne Weber, affascinata dalla vita di lotta e di impegno sociale e politico di Annette, ha incontrato Annette Beaumanoir, ormai quasi centenaria, nella sua casa a Dieulefit, nel sud della Francia.
Dalla loro conversazione è nato questo libro.
Per narrare le vicende di Annette, la scrittrice ha avuto la geniale intuizione di ricorrere alla forma lirica del poema secondo i canoni della letteratura greca, riuscendo così ad esplorare in maniera audace e passionale il mondo di Annette.

I versi, rispetto alla normale narrazione, si caricano della potente forza emotiva del genere epico, sottolineando nello stesso tempo con sensibilità la coerenza e l’integrità morale della protagonista.
Il genere epico consente di amplificare la centralità marginale di Annette nelle vite degli altri senza tradire la fedeltà alla realtà. Diversamente il romanzo, soprattutto quello storico, subisce sempre la discreta invasività dell’immaginazione.
Anne Weber, come ha specificato nel corso di un’intervista, voleva fare un’opera letteraria che tuttavia rimanesse realista ed evitasse le enfatizzazioni dell’agiografia.

Anne Weber è una scrittrice e traduttrice tedesca; è nata a Offenbach nel 1964 e vive a Parigi dal 1983. Traduce dal tedesco al francese e viceversa. Scrive i suoi libri sia in tedesco che in francese. Le sue opere hanno ottenuto in Germania importanti riconoscimenti letterari.
Per Annette, un poema eroico Anne Weber ha ricevuto nel 2020 il più importante riconoscimento letterario tedesco (il Deutsche Buchpreis 2020) che premia il miglior libro dell’anno in lingua tedesca.
La pubblicazione in Italia del libro Annette, un poema eroico può pertanto essere considerato uno dei più importanti eventi letterari dell’anno corrente.

Roberto Rapaccini

Anne Weber
Annette, un poema eroico
Mondadori, 2021
Pagine 180
€ 16,62

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: