Appunti di un inizio anno con un Murray mattatore

tennis
history 2 minuti di lettura

Tempo di esibizioni e di primi tornei. Le esibizioni non hanno un grosso valore e importanza, in special modo ad inizio anno, per qualche bagordo di troppo e pochi allenamenti, ma i tornei ufficiali hanno emesso qualche sentenza fuori dalle attese.
Il 2008 è stato un anno deludente soprattutto per lo svizzero Roger Federer che ha visto perdere il gradino più alto del podio a vantaggio dello spagnolo Nadal che invece innanellava incontri per un’annata da incorniciare.

Il 2009 è invece iniziato piuttosto male per entrambi. In una esibizione ad Abu Dhabi dove ancora una volta l’ostico scozzese Andy Murray ha sconfitto lo svizzero portando, come pochissimi altri, il parziale a cinque vittorie su sette incontri disputati.
Gli ha fatto subito eco lo spagnolo Nadal che giocando la finale ed una sola partita in più
dello svizzero ha ricevuto lo stesso trattamento da Murray.

Sarà invece il torneo di Doha, restando sempre in Qatar, primo grande appuntamento stagionale, a rimescolare le carte dando il giusto stimolo ai primi della classe?
Niente affatto! Stessa musica, stesso vincitore e ancora rimandata la prima vittoria per entrambi fermati in semifinale. Ancora lo scozzese batte Roger Federer che, come magra consolazione, elimina durante il torneo prima Potito Starace e poi Andreas Seppi e portandosi a sei vittorie a due considerando anche l’esibizione sopra citata.
In una giornata di grazia il francese Gael Monfils n. 13 del ranking ed in grande ascesa ha eliminato invece lo spagnolo.

A questo punto ci si chiede, azzardando i pronostici, il 2009 sarà l’anno che potrà incoronare re del tennis lo scozzese Andy Murray in virtù di un finale del 2008 scintillante e di un inizio anno a dir poco superbo? Certamente i britannici non aspettano altro che questo momento da tantissimi anni.

L’italiana Sara Errani attualmente n. 41 del ranking WTA inaugura positivamente, a differenza di qualche connazionale, questo nuovo anno raggiungendo le semifinali al torneo di Brisbane (220.000 dollari)  sul veloce facendo ben sperare in vista degli imminenti Australian Open primo torneo dello Slam che inaugura la stagione.
La romagnola già n. 39 WTA, classifica conquistata lo scorso agosto, fa ben sperare per il prosieguo della stagione anche in virtù di questa bella semifinale maturata ai danni di tenniste ben quotate come la slovacca Daniela Hantuchova già top ten, la bulgara Tsvetlana Pironkova (vincitrice del torneo) e la bielorussa Olga Govortsova dimostrando buone attitudini anche sulle superfici veloci, prima di arrendersi all’altra bielorussa Victoria Azarenka.

Qualche appunto agrodolce giova evidenziare per la rediviva francese Amelie Mauresmo ex n.1 che dopo aver sconfitto nettamente Ana Ivanovic, durante il torneo di Brisbane, facendo presagire un rientro ai massimi livelli, si è dovuta ritirare per una contrattura alla coscia sinistra che potrebbe obbligarla ad un clamoroso forfait agli Australian Open.
A questo torneo non parteciperà neanche la Sharapova, vincitrice dello scorso anno, perché nonostante i progressi alla spalla non riuscirà a recuperare definitivamente dall’infortunio [1] che l’ha tenuta fuori da diverso tempo saltando tra gli altri gli US Open.
Michele Fiorillo

[1] www.eurosport.com

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article