Brasile: Bolsonaro all’assalto dell’Amazzonia

Brasile Amazzonia
history 1 minuti di lettura

Jair Bolsonaro, esponente dell’estrema destra  dopo essersi insediato alla presidenza della Repubblica in Brasile dichiarando che “è il giorno in cui il Brasile inizia a liberarsi dal socialismo e dal politicamente corretto”, ha subito messo le mani sull’Amazzonia, come aveva ampiamente promesso. Inizia una fase luttuosa per gli indigeni, per i brasiliani e per il pianeta intero per la rilevanza che ha l’ecosistema amazzonico. Chi se ne avvantaggerà saranno saranno i grandi latidondisti e le aziende che sfrutteranno quelle terre. Lo potranno fare perché Bolsonaro ha firmato un provvedimento provvisorio che passa di mano l’identificazione, la delimitazione e la demarcazione delle terre indigene dalla Fondazione Nazionale per gli Indigeni (Funai) alla ministra dell’Agricoltura, Tereza Cristina, leader del gruppo parlamentare che rappresenta gli interessi delle grandi proprietà terriere, “Bancada Ruralista“.

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article