Brasile: Emergenza ambientale e genocidio

Brasile Amazzonia
history 1 minuti di lettura

La situazione dei Waiãpi è arrivata ad un punto drammatico dopo l’uccisione del leader della comunità locale e l’invasione delle terre autoctone da parte dei Garimpeiros, i cercatori d’oro illegali. Gli indigeni del nord del Brasile, privati da anni dei servizi sanitari ed educativi per costringerli a lasciare le loro terre, sono adesso assaliti fisicamente dai cercatori d’oro che vogliono sfruttare le riserve. Alcuni di loro attaccano i villaggi di notte, spaventando e uccidendo gli ultimi guardiani di una terra ricca si di oro, ma anche e soprattutto di acqua, minerali e biodiversità. Se per il presidente Jair Bolsonaro è solo un’altra occasione per dimostrare di essere spinto più dagli interessi economici che dalla volontà di tutelare la sua gente e la sua terra, per l’umanità è un’altra fetta di Amazzonia che viene fagocitata. E’ una catastrofe antropologica e ambientale

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: