Cile. Notizie (quasi) assenti

history 1 minuti di lettura

Durante la crisi venezuelana di qualche mese fa, che si palesò più che altro nel turpe, ennesimo tentativo di destabilizzare il cammino della Rivoluzione Chavista, molti giornaloni, giornalai, sedicenti inviati reporter, ecc ecc, fecero a gara per mostrare le crudeltà del “regime” di Maduro. Il tutto poi venne smentito da un minimo di approfondimento e dell’intervento di autorevoli osservatori internazionali, tra i quali l’italiano Pino Arlacchi. Oggi di fronte alla terribile, devastante situazione cilena, che segue quella ecuadoriana, e che quotidianamente sta mostrando l’unico reale volto del neoliberismo in salsa sudamericana, ovvero la violenza cieca della repressione, gli stessi organi di informazione sembrano dimenticare di fornire notizie puntuali. Eppure ce ne sarebbero, visto che gli interventi, abbondantemente documentati, di esercito, polizia, “carabineros”, sembrano oggi non avere nulla da invidiare alle recenti dittature che si sono succedute nel cortile di casa statunitense.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: