Cleopatràs di Giovanni Testori

Anna Della Rosa in Cleopàtras
history 2 minuti di lettura

L’innovativo regista Valter Malosti porta in scena sul palco del teatro della triennale di Milano “Cleopatràs“, attraverso l’espressiva e convincente interpretazione della intensa attrice Anna Della Rosa.

Cleopatra racconta nella sua ultima ora di vita la sua passione con Antonio in un antico Egitto reinventato è inserito nella topografia della Valassina, area Lombarda tanto cara all’autore Giovanni Testori, scomparso nel 1993 e considerato uno dei principali intellettuali italiani del ‘900.

Questo testo appartiene al trittico “Tre Lai” in cui il Testori nell’ultima parte della sua vita si cimenta con tre figure classiche femminili. Una pièce teatrale dove anche il non addetto ai lavori può cogliere tutto il pregio di un testo dall’altissimo valore intellettuale. Cleopatràs attinge a piene mani nel genere del “grammelot” satirico, 70 minuti di un monologo costruito su una lingua inventata è geniale che riesce nondimeno ad arrivare comprensibile e chiara al pubblico. Ci sembra a tratti di riuscire ad individuare un balletto di suoni e grammatiche che spazia dall’ italiano antico al francese al latino al dialetto lombardo e veneto, dal gergo ricercato da nobile donzella medioevale fino ai suoni di termini sguaiati.

 

Cleopatràs attraversa il tempo, Anna Della Rosa porta Cleopatra ad eseguire un volo pindarico che parte dal palco di un antico teatro fino alla camera da letto che è stata scenografia della storia appassionata di due amanti. Una sorta di “grammelot” lo ritroviamo anche nelle musiche che accompagnano il racconto che passano dalle arie d’opera, alle melodie evocative di un Egitto antico fino ai suoni moderni che irrompono come elementi di discontinuità ma che bene si contestualizzano con il genere rappresentato.

Una pièce teatrale in cui la tragedia è venata di ironia e sensualità, la regina da irraggiungibile mito antico si fa carne e sangue in mezzo a noi attraverso l’universalità del significato dell’ atto estremo del suicidio. Il pubblico si trova al cospetto di una donna che non cerca scampo rispetto al dolore della perdita dell’amato, ma che sceglie di sottrarsi all’umiliazione del perdente uscendo dalla scena della vita rimanendo una immortale leggenda.
Adelaide Cacace

Teatro della Triennale – Milano
fino al 17 ottobre 2021

Cleopatràs
di Giovanni Testori
Regia di: Valter Malosti
Con: Anna Della Rosa
e con: Aron Tewelde
Progetto sonoro: Gup Alcaro
Scene e luci: Nicolas Bovey
Costumi: Gianluca Sbicca
Cura del movimento: Marco Angelilli

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: