Il Consiglio di Stato, Roma, le “botticelle” e la civiltà di un Paese

Roma Sala consiliare Giulio Cesare
history 1 minuti di lettura

Sconcertante il fatto che il Consiglio di Stato abbia deciso di bloccare ieri il nuovo regolamento sulle “botticelle” (le vetture trainate da un cavallo), votato e approvato dall’Assemblea capitolina, che prevedeva il loro spostamento nei parchi verdi e quindi in aree ombreggiate, rispettose dei diritti animali e non solo degli interessi economici dei vetturini. La civiltà di un paese si misura anche da come regola il proprio rapporto con l’ambiente e gli animali. Non considerare la sofferenza e il rischio di morte per animali costretti a trottare anche con quaranta gradi sui sampietrini della Capitale è retrivo oltre che spietato. Si era gridato alla vittoria da parte degli animalisti, ma evidentemente certe convinzioni culturali e interessi corporativi hanno avuto la meglio. Mi auguro che il Comune di Roma (nonostante l’aria elettorale) e il Governo riaffrontino subito la cosa, magari creando le condizioni affinché questo spostamento di attività si possa realizzare effettivamente e non solo sulla carta. Le scene di collassi di cavalli nel centro di Roma hanno fatto il giro del mondo.

 

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article