CosteauX, il ritorno dei Coasteau

history 2 minuti di lettura

The Last Good Day of the Year fu la canzone che nel 2000 accrebbe la loro notorietà in molti paesi, ma i Costeau, band nata a Londra e fondata da Davey Ray Moor, finirono con il disintegrarsi nel 2005 dopo tre album in studio. A dodici anni di distanza, con un nome nuovo, CosteauX si ripresentano con i nove brani dell’album omonimo (Palm Pictures/Edel) e sono Davey Ray Moor e Liam McKahey.

E già dal primo brano, Menory Is A Weapon, intuiamo che la chimica tra loro e noi produce la stessa empatia. Liam McKahey che qualcuno ha accostato a David Bowie per le tonalità della sua voce, ci avvolge in una trama ricca, con note eleganti di pianoforte e assaggi di tromba che lasciano poi spazio a momenti cinematografici, magnificenze di icone della settima arte.
BURMA è una canzone delicata, raffinata condotta da decise note di pianoforte e spunti di violini e tromba che ben accompagnano la sapienza espressiva della voce di McKahey.
Muovendosi all’interno di quelle atmosfere fumose di bar semi vuoti, prima della chiusura, troviamo Portobello Serenade, un ricercato incedere tra una tromba in stile Miles Davis e il cantato da crooner sugli accordi di un piano che ondeggia tra classico e jazz. In diversi punti del brano si intuiscono anche espressioni musicali che si poggiano sulle atmosfere del progressive degli anni Settanta.
Carl Barat il leader dei The Libertines partecipa ad un altro brano monstre –The Innermost Light -, dove la carica baritonale di Liam McKahey si immerge completamente nel blues atipico che caratterizza la canzone, dove l’ambientazione cupa trova delle esplosioni, per esempio, dei fiati che assaltano le scure, ripetitive note di basso e pianoforte.
Quasi sul finire la brevissima Seasons Of You ci conduce dalle parti delle ballate pop di caratura, per arrangiamenti preziosi, fiati imponenti su una cadenza soul, voci e cori che si allargano a fare da sigla di chiusura di un bel disco che, per quanto contenga molti elementi di musica pop, mantiene delle peculiarità nell’uso della strumentazione (tromba, basso), nelle atmosfere e nel loro costruirsi intorno ad una voce che lascia cicatrici in alcuni passaggi.
Non ni curate di noi e ascoltate!
Ciro Ardiglione

genere: alt-rock
CosteauX
CosteauX
etichetta: Palm Pictures/Edel
data di uscita: giugno 2017
brani: 9
durata: 36’51”
album: singolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article