Crisi Deutsche Bank: pagano i soliti noti

finanza tasse utili
history 1 minuti di lettura

La risoluzione della crisi della Deutsche Bank passa attraverso la riduzione del personale: 18.000 impiegati in meno. Non c’è niente di nuovo a pagare saranno le persone per scelte fatte da altri, proprietari e top manager. Non è un caso se il ceo Christian Sewing illustrando il piano, ha spiegato che il totale degli attivi e le dimensioni del portafoglio derivati dovrebbero scendere del 20% dagli attuali valori entro il 2022. Titoli opachi che hanno contribuito a mettere sotto scacco la banca ma le cui conseguenze principali sono per i lavoratori.  I “tagli” più consistenti dovrebbero riguardare Usa e Regno Unito. L’Italia, dove ci sono 200 filiali, sarà impattata e non è la prima volta essendoci stati già tre piani di riorganizzazione. Forse qualcosa in più lo si saprà giovedì 11 luglio prossimo. Cornelli della Fisac Cgil ha spiegato che «la nostra vera preoccupazione più che i licenziamenti è che Deutsche Bank venga venduta».

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article