Governo giallo-rosso. Renzi apre la crisi ma apre alla stessa maggioranza

governo palazzo chigi
history 1 minuti di lettura

Mattarella ha chiesto di uscire subito dall’incertezza e Matteo Renzi ha deciso di dare qualche certezza. Forse. Il leader di Italia Viva ha deciso di ritirare le ministre Bellanova e Bonetti e il sottosegretario Scalfarotto dal Governo. Ne ha fatto una questione di democrazia messa da parte con una gestione accentrata fatta di decreti e senza possibilità di discutere. Ne ha fatto una questione di mancato utilizzo del Mes per la Sanità.
Con le risposte ai giornalisti ha ributtato la palla nel campo avverso perché «tocca a Conte trovare lo sbocco alla crisi» e si è dimostrato disponibile a sostenere l’attuale maggioranza in caso di programma di fine legislatura. Renzi non vede elezioni anticipate.
È vero che una crisi avviata rischia di precipitare ma non sembra questo il caso. È probabile invece che continui la negoziazione e la revisione fino all’ultimo secondo sul metodo, sulle voci e sulle risorse ad esse destinate del Recovery Plan. Italia Viva otterrà un po’ di visibilità in più. Il Governo giallo-rosso barcollando andrà avanti.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: