Erin Morgenstern, Il Mare Senza Stelle

Il mare senza stelle romanzo di Erin Morgenstern
history 5 minuti di lettura

Con uno stile scorrevole, magnetico e ipnotico, Erin Morgenstern ci accompagna ne Il Mare Senza Stelle, un viaggio attraverso il Tempo e lo Spazio, un labirinto frammentato e complesso in cui il lettore ha molto piacere di perdersi, trovando da solo la propria storia.

Zachary Ezra Rawlins è uno studente del Vermont, solitario e amante dei libri; li ama a tal punto che ogni giorno, nelle vacanze invernali che precedono l’inizio delle lezioni, si dirige alla biblioteca del college per scovare qualche nuovo libro non ancora scoperto. Un giorno, curiosando tra gli scaffali, trova Dolci Rimpianti, un libro che parla della storia d’amore di un pirata condannato e di una donna salvatrice, di un’adepta che fa voto di silenzio per poter accedere ai segreti più reconditi di un santuario senza tempo, di una casa delle bambole distrutta in un incendio. E di lui. Di un episodio della sua infanzia. Un episodio che fino a quel momento aveva dimenticato o relegato in qualche cassetto profondo della sua mente. Zachary era solo un bambino allora, aveva tutta l’innocenza della sua età e quell’ingenua convinzione che la magia esistesse davvero…del resto, quella porta disegnata con tanta perizia sembrava vera. Una porta vera dipinta su un muro bianco, un esplicito invito ad entrare per chiunque fosse incappato in quella mirabolante illusione. Ma Zachary non apre quella porta, lo sfiora l’idea che possa farlo, ma non lo fa, e quando ritorna, vinto dalla curiosità, la porta è scomparsa, sostituita da duro e freddo cemento bianco. È stata solo la sua immaginazione, pensa. Oppure ha perso la sua occasione per poter accedere al Mare Senza Stelle. Non è riuscito a entrarvi. Non ancora.

Erin Morgenstern Il mare senza stelleCon quelle ultime parole impresse nella mente, Zachary inizia a indagare su come sia possibile che un libro apparentemente misterioso e anonimo possa contenere un episodio della sua infanzia, uno di quegli episodi che sai che ti cambieranno la vita per sempre. Nessun autore, nessun codice, nessun indizio. Ma Zachary non è il tipo da lasciar perdere, non dopo che Dolci Rimpianti è diventata un’ossessione. Sul dorso della copertina ci sono tre simboli – un’ape, una chiave e una spada. Possono bastare. Internet gli rivela che di lì a poco si sarebbe tenuto un ballo in maschera per poter raccogliere donazioni per una misteriosa fondazione Keating a cui apparentemente sembrerebbe connesso il libro.
Con un abito elegante e una maschera prestata dalla sua amica Kat, Zachary partecipa all’intrigante festa letteraria, in cui incontra Dorian, un uomo tanto attraente quanto misterioso, che lo porta in una stanza scura e gli racconta la tragica storia di Tempo e Fato, due innamorati condannati a non potersi amare mai e segnati dalla triste morte di Fato, ucciso dal Re Gufo per paura che Tempo potesse dimenticare il suo scopo. Ma di tanto in tanto, Fato si ricompone e Tempo è sempre lì ad aspettarlo.
Zachary è stordito dal racconto di Dorian, o forse dall’alcol, non lo sa con sicurezza; ciò di cui è sicuro è che si presenterà all’appuntamento a cui Dorian lo ha invitato tramite un biglietto scritto a mano. Porta con te un fiore, è l’unica indicazione ricevuta.
Zachary Ezra Rawlins è uno studente del Vermont, solitario e amante dei libri. Non sa ancora a che cosa sta andando incontro ma è animato dalla necessità di scoprire di più, sa che c’è di più. Vuole conoscere il Mare Senza Stelle. Un santuario seppellito nel tempo e nello spazio, un luogo dove i libri sembrano voler raccontare tutti la stessa storia, frammentata in miliardi di pagine consunte e parole dimenticate. Ma Zachary sa che quello è il suo destino, che anche lui è parte di una storia, forse la più grande che sia mai stata scritta.
Ed è lì per scoprirlo.

Erin Morgenstern è un’artista multimediale e una scrittrice statunitense. Autrice dalla penna evocativa, è profondamente appassionata alle storie, che confessa in un’intervista di assorbire in tutte le forme, comprese quelle dei videogame, che usa quando ha bisogno di fare una pausa dalla scrittura.
La Morgenstern apprezza molto la definizione dei suoi romanzi come “fantasy letterario”, dal momento che ama ancorare elementi immaginari a episodi o ambientazioni della vita reale, così che quel fantasy non sembri troppo lontano, ma anzi potrebbe essere proprio dietro l’angolo, se solo si apre la porta giusta. Si può definire un architetto di storie, che prima visualizza nella sua mente e poi trasforma in parole sulla carta. In un’intervista all’autrice, nell’inserto della Lettura [1] afferma di aver utilizzato principalmente la sua memoria per costruire un insieme frammentato di storie basate su un plot comune al centro, per poi vederle intrecciarsi e confluire in un unico grande racconto.

Tornando a Il Mare Senza Stelle possiamo dire che è un libro che parla di libri, un insieme di racconti e narrazioni che si stratificano a piani, un luogo in cui il tempo non è prigioniero ma libero di trasportare la sua magia sulle ali della narrazione più struggente.
Qui il lettore ha la possibilità di godersi una narrazione complicata, complessa e affascinante, con un sottile filo dorato che lo accompagna costantemente lungo tutta la lettura; si ha l’impressione di perdersi tra le pagine e le parole, fino a che Zachary Ezra Rawlins diventa l’alter ego di ciò che siamo noi: i protagonisti della nostra storia. È una lettura attraente e ricca di pathos, una lettura coinvolgente e dinamica, che tiene il lettore incollato alla pagina, quasi che Dolci Rimpianti contenga un episodio della vita di ciascuno, un percorso che ci porti a scoprire il Mare Senza Stelle.

Carola Mazzoni

[1] https://fazieditore.it/wp-content/uploads/2016/02/morgenstern-la-lettura-corriere-della-sera.pdf

Erin Morgenstern
Il Mare Senza Stelle
Fazi editore, 2020
Pagg. 600
€ 18,50

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article