Falcone, un magistrato che mise alle sbarre Cosa Nostra

history 0 minuti di lettura

Sull’autostrada A29, all’altezza di Capaci il 23 maggio 1992 si consumava uno dei più terribili attentati di Cosa Nostra. Insieme al magistrato antimafia Giovanni Falcone morivano la moglie Francesca Morvillo, e gli agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Altre 23 persone rimasero ferite.
Giovanni Falcone fu uno dei primi ad inquadrare Cosa Nostra come uno Stato parallelo. La sua forza di volontà, il pool di collaboratori e colleghi uniti all’intelligenza investigativa che lo spinse verso le indagini finanziarie, gli consentirono di stanare e mettere alla sbarra mafiosi e collusi come mai era successo prima.

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article