Francia: un altro attacco all’informazione e alla democrazia

Francia Parigi Assemblea Nazionale

In , in un periodo di continui attacchi all'indipendenza dell', è stato abolito il contributo per la radiodiffusione pubblica. La maggioranza lo ha fatto a braccetto con Les Républicains (LR) e l'estrema destra di Rassemblement National (RN). Nel bel mezzo dell'estate e infilato in un altro decreto legge, come spesso si fa da queste parti, con 170 voti favorevoli e 57 contrari l'abolizione del contributo è diventato legge. Quello che passa sotto silenzio, non solo in Francia, è l'attacco alla democrazia che avviene tramite gli aiuti all'informazione indipendente. Il sito di giornalismo investigativo Mediapart riporta le parole della Nupes (di fatto l'unico gruppo politico ad opporsi), Sophie Taillé-Polian, che parla “in un momento in cui l'indipendenza dei media è minacciata da un'estrema concentrazione dei media nelle mani di dieci miliardari che detengono l'80% dei quotidiani nazionali, il 47% delle radio generaliste”. Questa disposizione va ad aggiungersi agli attacchi alla stampa costituiti dalla legge sul segreto aziendale e dalla legge sulla sicurezza globale.

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article