Germania: il programma del governo Scholz

Elezioni Germania 2021 Olaf Scholz manifesto SPD
history 6 minuti di lettura

Qualcuno ha scritto che l’accordo siglato per il nuovo governo in Germania sia rivoluzionario. Certo ci sono differenze profonde rispetto al programma del governo di Angela Merkel, ma prima di parlare di rivoluzioni vale la pena riportare quanto dichiarato da Christian Lindner, leader del Partito Liberale Democratico (FDP) uno dei partiti della coalizione e prossimo ministro delle Finanze: «la Germania sarà il garante della stabilità finanziaria, oltre che del libero mercato e della Nato». Quindi sarà molto attento al bilancio federale e di conseguenza al tema dell’intervento pubblico.

La sconfitta alle elezioni del 26 settembre scorso aveva estromesso la CDU dando ai socialdemocratici (SPD) la maggioranza relativa (25,7% dei voti) e al loro capo, Olaf Scholz di essere il cancelliere designato, di formare una coalizione e, ora, di occupare la poltrona di cancelliere.
Dopo due mesi di trattative, forse accelerate rispetto al passato per la l’aggravarsi della diffusione della Covid-19, le parti hanno trovato un accordo. Il più grande paese d’Europa sarà governato, per la prima volta nella sua storia, da un esecutivo composto da socialdemocratici, liberali e verdi che viene identificato come semaforo per i colori dei tre partiti.

Il documento finale dell’accordo è di 179 pagine coprendo tutti gli aspetti della vita dei tedeschi e che inevitabilmente impatterà anche su tutti gli europei; “i negoziati hanno coinvolto 22 gruppi di lavoro e 300 negoziatori. Insolitamente, quasi nessuna informazione è trapelata, anche se alcuni partecipanti, più recentemente Baerbock [Annalena Baerbock Presidente dell’Alleanza 90/I Verdi, ndr], hanno ammesso che ci sono stati alcuni momenti esasperanti” [1].
Il governo della coalizione semaforo dovrebbe vedere la luce intorno al 6 dicembre. I verdi inizieranno a breve una votazione tra 125.000 membri per l’accettazione dell’accordo.

L’accordo di Governo stabilisce come verranno ripartiti i 16 ministeri: sei più il cancelliere ai socialdemocratici e stiamo parlando di Difesa, Interni, Lavoro, Salute, Alloggi e Cooperazione e Sviluppo; cinque quelli destinati ai verdi e cioè Esteri (assegnato ad Annalena Baerbock), Economia e Protezione del clima (un nuovo e potente ministero assegnato all’altro presidente dei verdi Robert Habeck e che dovrebbe orientare le attività produttive verso la transizione ecologica), Famiglia, Ambiente e Alimentazione e Agricoltura; cinque anche ai liberali e cioè il determinante ministero delle Finanze, quello della Giustizia, dei Trasporti e quello dell’Istruzione.

Germania elezioni manifesto Verdi Annalena Baerbock
Annalena Baerbock in u manifesto elettorale Foto Bettina Westphalen 2021

È indubbio che per la prima volta la politica di un grande stato ha come perno la salvaguardia dell’ambiente attraverso la lotta al riscaldamento globale e di cui i verdi si sono fatti strenui sostenitori.
Nel capitolo “Tutela del clima in un’economia di mercato socio-ecologica”, si fa riferimento ad un percorso verso l’innalzamento massimo a 1,5° della temperatura e così in Germania, entro il 2030, l’ 80% della sua elettricità dovrà provenire da energie rinnovabili, confermando l’abbandono del nucleare; viene fissata la neutralità entro il 2045; «idealmente» entro il 2030 si uscirà dal carbone.
Se da una parte verrà creato un fondo per la neutralità climatica, dall’altra, come volevano i liberali, non ci saranno nuove tasse sulle emissioni o su gasolio per riscaldamento o benzina. Del resto dal 2023 lo stesso accordo prevede un’attenzione alle politiche di bilancio per arginare il debito pubblico.

Sul fronte sociale si prevede l’innalzamento del salario minimo a 12 euro l’ora e una commissione dovrà valutarne ulteriori incrementi. Sul fronte delle pensioni sono esclusi tagli, ci si impegna a mantenere un livello minimo per le pensioni e a non aumentare l’età pensionabile.
L’attuale reddito di base viene sostituito dal reddito di cittadinanza che nei primi due anni dalla sua istituzione non sarà legato alla situazione patrimoniale del ricevente.
Sempre sul fronte della spesa sociale ci sarà la nascita di un assegno di base che accorperà vari contributi incluso quello per i figli.
Per le abitazioni sono previsti 400.000 nuovi appartamenti all’anno di cui 100.000 saranno finanziati con fondi pubblici; contemporaneamente si mantiene il tetto agli affitti fino al 2029.

L’accordo prevede anche l’abolizione della legge sulla transessualità e la sostituzione con nuove disposizioni per “una procedura all’anagrafe che renda sostanzialmente possibile la modifica dell’iscrizione allo stato civile di genere mediante autodichiarazione”.
Dalla Costituzione (Legge Fondamentale) sparirà la parola razza e verranno introdotti i diritti dei bambini. Bisognerà intervenire sulla Costituzione per poter dare il voto ai sedicenni come previsto dall’accordo.

Il nuovo governo dovrà autorizzare alcuni negozi alla “distribuzione controllata di cannabis agli adulti” per mantenere distanti i minori ed avere una qualità controllata.

Sulla politica migratoria si lavorerà per accelerare le procedure di asilo e per il ricongiungimento familiare, ma contemporaneamente verrà messa in atto una vera e propria ‘”offensiva di rimpatrio“.

Uno dei passaggi più controversi è quello dedicato ai droni armati che, secondo gli estensori del documento, “possono aiutare a proteggere i soldati schierati all’estero”; si precisa che ciò deve avvenire a “condizioni vincolanti e trasparenti e tenendo conto degli aspetti etici e di sicurezza-politica” [2].
Le ultime pagine dell’accordo sono dedicate alla politica estera e nei rapporti con l’UE fa riferimento al rispetto dello stato di diritto e si legge che la Germania “applica e svilupperà” in modo “più coerente” gli strumenti a disposizione dell’UE per garantire lo Stato di diritto, compreso il meccanismo di condizionalità [3].

Il primo banco di prova del governo di Olaf Scholz sarà la lotta alla pandemia che in Germania sta provocando vittime e riempiendo ospedali, incluse le terapie intensive. Una situazione che qualche giorno fa ha fatto dire al il ministro della Salute Jens Spahn : «entro la fine dell’inverno quasi tutti i tedeschi saranno vaccinati, guariti o morti».
Scholz vuole istituire team per la gestione della crisi che dovrebbe prendere decisioni rapide. La stessa Merkel, ancora la cancelliera di fatto, avrebbe concordato il modello. Va detto che la sanità è gestita dai singoli stati e non sarà così immediata la capacità decisionale ed operativa se il team non è autorizzato per le sue azioni. Scholz ha anche annunciato la creazione di un consiglio di esperti composto da epidemiologi, virologi, psicologi e sociologi che dovranno condividere le loro analisi e opinioni sulle questioni urgenti relative alla pandemia, ha annunciato Scholz [4]. Per quanto riguarda la vaccinazione obbligatoria prevista e prevedibile per alcune categorie, il cancelliere designato non ha escluso l’ampliamento.
Le sfide sono grandi e di Scholz non si conosce se abbia la stoffa per affrontarle e vincerle. Dalla sua c’è che all’inizio non era una figura attesa per una degna sostituzione di Angela Merkel.
Pasquale Esposito

[1] Kate Connolly, German parties agree coalition deal to make Olaf Scholz chancellor, https://www.theguardian.com/world/2021/nov/24/german-parties-agree-coalition-deal-to-make-olaf-scholz-chancellor, 24 novembre 2021
[2] Das sind die wichtigsten Punkte im Koalitionsvertrag, https://www.spiegel.de/politik/deutschland/koalitionsvertrag-der-ampel-parteien-das-sind-die-wichtigsten-punkte-a-19022d29-faad-407a-a839-841ca7d0f728, 24 novembre 2021; Sebastiano Canetta, In Germania scatta il semaforo. Tra luci e ombre governo al via, https://ilmanifesto.it/in-germania-scatta-il-semaforo-tra-luci-e-ombre-governo-al-via/, 24 novembre 2021; Germania: abbiamo un semaforo, https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/germania-abbiamo-un-semaforo-32441, 24 novembre 2021
[3] Elena G. Sevillano, Socialdemócratas, verdes y liberales cierran un acuerdo de Gobierno que encumbra a Scholz como canciller, https://elpais.com/internacional/2021-11-24/socialdemocratas-verdes-y-liberales-presentan-hoy-su-acuerdo-de-gobierno-en-alemania.html, 24 Novembre 2021
[4] Markus Wehner, Was der Corona-Krisenstab von Olaf Scholz tun soll, https://www.faz.net/aktuell/politik/was-der-corona-krisenstab-von-olaf-scholz-tun-soll-17652764.html, 25 novembre 2021

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article