Governo Draghi e Parlamento: ritardi a causa della guerra

Palazzo Chigi sede del Governo
history 1 minuti di lettura

I contrasti, anche duri, tra i partiti che sostengono il Governo Draghi non sono mai mancati, nemmeno di recente. Ma l’invasione russa dell’Ucraina e i provvedimenti ad essa collegati, invio di armi e aumento delle spese militari rischiano di produrre altre lacerazioni. E in questi casi si potrebbe rischiare l’esistenza stessa del Governo Draghi. Forse per eliminare occasioni di scontri ulteriori si sta rimandando o rallentando l’attività legislativa più importante. Infatti, ad esempio, l’approdo alla Camera della riforma del Csm è slittata all’11 aprile dove ci sono già differenze tra M5S, Pd e ministra della Giustizia Marta Cartabia da una parte e il centrodestra dall’altra. Rallenta il disegno di legge della Concorrenza; anche sulla delega fiscale si prenderà tempo dove c’è sempre la questione della flat tax agli autonomi; rimando anche del decreto bollette su energia elettrica e gas, anche se in quest’ultimo caso c’è stato un ricompattarsi dei parlamentari per spingere verso l’approvazione che dovrebbe prevedere uno snellimento burocratico per le energie rinnovabili.

 

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article