Guerra. L’ora è sempre più buia

Guerra in Ucraina
history 1 minuti di lettura

Era da giorni che da una parte e dall’altra si intensificano i riferimenti all’uso di armi nucleari come se non fossero parole e atti pesanti, di per sé distruttivi. In questi mesi evidentemente la guerra e la follia delle armi nucleari non sono state contrastate da attività diplomatiche volte ad un cessate il fuoco e a trovare una via d’uscita. Ieri, 21 settembre, con il discorso di Vladimir Putin – tutto incentrato sull’allargamento del conflitto che non sarebbe più un’operazione speciale ma una guerra a difesa della “madrepatria”, con la chiamata di trecentomila riservisti e con la possibilità che faccia ricorso ad armi nucleari – potremmo trovarci in un punto di non ritorno. Tra il 23 e il 27 settembre Putin farà tenere il referendum, sotto le bombe della controffensiva ucraina, sull’annessione alla Russia delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk e nei territori controllati dai russi delle regioni ucraine di Kherson e di Zaporizhzhia e dopo due giorni ratificherà l’annessione facendoli diventare territorio della “madrepatria” russa. Nella sede dell’ONU dovrebbe farsi largo una qualche iniziativa che faccia cambiare rotta alla guerra. La Cina?

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article