I contributi pensionistici evasi e il lavoro nero

lavoratore
history 1 minuti di lettura

In un articolo di Paolo Foschi e Milena Gabanelli sul Corriere si fa il punto sull’evasione dei contributi pensionistici e sulle attività di controllo dopo la riforma voluta da Renzi e Poletti. L’Inps stima che sono almeno 11 miliardi di euro l’anno (sufficienti per una manovra finanziaria) quelli evasi solo per il lavoro dipendente, ai quali se ne dovrebbero aggiungere «almeno altrettanti miliardi relativi a liberi professionisti, artigiani, consulenti e imprese individuali».
La riforma avrebbe dovuto evitare gli sprechi e migliorare i risultati dei controlli attraverso il coordinamento dell’Istituto Nazionale del Lavoro. Invece si sono recuperati meno soldi. Il lavoro nero continua ad essere ben presente.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article