I diritti negati delle donne madri

history 1 minuti di lettura

L’emarginazione delle donne dal e nel mondo del lavoro si vede in tutta la sua drammaticità quando diventano mamme. In un rapporto dell’ISTAT relativo all’anno 2018 si legge che il tasso di occupazione delle madri tra 25 e 54 anni con i figli fino a 14 anni, è del 57% a fronte dell’89,3% dei padri. Come fosse una colpa avere i figli, o essere in una condizione inabilitante. E così addirittura l’11% delle donne con almeno un figlio non ha mai lavorato per prendersene cura (in Europa è mediamente il 3,7%) e questa percentuale sale al 20% nel Sud dell’Italia. Non possiamo pensare che sia sempre frutto di una scelta considerando le famiglie povere o sulla soglia della povertà.
Inoltre quando non lavorano, le madri finiscono con il dover cambiare la modalità del proprio lavoro e questo accade nel 38,3% delle madri occupate, una percentuale più che tripla di quella dei padri. Del resto se meno di un terzo delle famiglie con figli minori usa i servizi pubblici o privati si capisce che la situazione è molto seria, per quanto ci possano essere altri famigliari ad aiutare le mamme.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: