Il 10 marzo 1948 la mafia ammazzava Placido Rizzotto

capolarato braccianti
history 0 minuti di lettura

Il 10 marzo 1948, nella campagna di Corleone, la mafia ammazzava Placido Rizzotto. Partigiano e sindacalista, Rizzotto aveva abbracciato con slancio la causa dei contadini siciliani, facendosi promotore di scioperi e ponendosi sempre in prima file nelle manifestazioni a favore dell’occupazione delle terre. Oggi abbiamo perduto quasi ogni legame con quell’impeto. Così il caporalato è tornato, anche con maggiore violenza, a picchiare sulla schiena dei braccianti, lavoratori a cottimo, del ventunesimo secolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: