Il calcio visto dai bambini

stadio calcio
history 5 minuti di lettura

La passione per il calcio ci fa tornare tutti bambini, nella gioia, nella rabbia e nell’emozione smodata, chiunque partecipi alle manifestazioni di questo sport si approccia facendo riemergere una parte del proprio io infantile. Ho la fortuna di andare, qualche volta, a vedere la mia squadra del cuore con mio figlio (così come faceva mio padre con me) e vedere la sua emozione prima di un big match, la sua gioia ed il suo livello di partecipazione emotiva mi rende veramente felice. Non solo felice, ma anche un po’ più bambino ( e forse è la stessa cosa).
Ho chiesto a mio figlio ed a un suo meraviglioso amico di scrivere qualcosa sula calcio per provare a verbalizzare in qualche modo questa magnifica emozione. Non gli ho dato alcun tema, erano totalmente liberi di affrontare le tematiche che più gli aggradavano. Ho provato soltanto a spiegar loro che dovevano tenersi lontani dalla cronaca, ma forse la situazione li ha un po’ bloccati e paludati. I due bambini sono Bruno (mio figlio) e Lorenzo (il suo amico).

Comunque partiamo, proviamo a vedere cosa ci dicono.

IL MERCATO
Bruno
Il mercato se ne è andato, ma quanti danni!! Non ci sono state solo operazioni cattive…ma GUARDATE COME SIAMO RIDOTTI AL MERCATO!!
Ibra e Thiago ormai danno spettacolo in Francia. Per fare un paragone con la Francia:
Paris————Roma
Brest————Gargano e Cilento
Ma nessuno in Italia può avere una squadra ricca come il Paris Saint Germain perché non ci sono gli sceicchi!!
Ma guarda che nello Zenit di San Pietroburgo, altra squadra ricchissima, ogni giocatore ha un suo stanzino ed un camerino.
C’è stato il Buon Natale per tutti. Babbo Natale è passato anche per le squadre di serie A.
Aronica per Sansone
Sotto l’albero di Natale del Toro:
Nocerino  per Santana
Lorenzo
Il mercato “povero”. Molte squadre di serie A non sono state molto attive in questa campagna acquisti, infatti molti tifosi sono rimasti delusi dai mercati delle loro squadre (Juventus, Lazio,…..). Invece ci sono poche squadre che hanno avuto la possibilità di fare un mercato, visto che in questo momento in Italia c’è la crisi.

BALOTELLI HA UN FUTURO AL MILAN?
Balotelli con la nuova maglia sigla subito una bella doppietta contro l’Udinese. Ma questo giocatore non è nuovo ad improvvisi cali di forma dopo un po’ di tempo, quindi consiglio ai tifosi milanisti di non esaltarsi troppo.

IL NAPOLI PUÒ VINCERE IL CAMPIONATO?
Il Napoli ha lottato molto per raggiungere il suo terzo scudetto. Cavani, Hamsik, Inler: questo secondo me è il trio del gol per quest’anno, a seguito dell’addio di Lavezzi. Su questo Napoli si spendono moltissime voci: è vero che si è impegnato tantissimo, ma per me questa squadra, quest’anno, non è in grado di vincere il campionato.

IL MERCATO DELLA JUVENTUS
La Juve fa un mercato, secondo me, pessimo. Gli unici acquisti da segnalare sono Peluso ed Anelka. I tifosi non sono rimasti per nulla contenti ed hanno criticato la dirigenza. Secondo me la Juventus è già abbastanza forte, quindi non ha bisogno di grandi rinforzi: è la squadra dal maggior potenziale!!


Tanzania. Scolari che giocano al calcio. Agosto 2006. Foto Angelo Capitani
separa_didascalia.gif

Bruno
CALCIO E RAZZISMO
Il caso Boateng ha riportato l’attenzione sul razzismo nel calcio: il calcio ed il razzismo, due cose assolutamente diverse. La frase “Sporco Negro” è una frase che non esiste nel vocabolario dello sport e soprattutto del calcio!! Le persone non cambiano a seconda del colore della pelle!! Si combatte il razzismo (forse solo a chiacchiere) ma non si riesce a vincere questa battaglia e QUESTA È UNA INGIUSTIZIA!!
A mio parere l’assurdità del razzismo si capisce subito: il fatto che ci siano persone con diverso colore della pelle, stranieri che parlano lingue diverse fa parte della natura dell’umanità, che esiste e per noi un africano o un asiatico è sempre un amico, un fratello del Padre Dio!!

LA MORTE DI GARRONE
C’era una volta……e non c’è più la Sampdoria di Garrone. Quella squadra aveva nel suo gruppo dei personaggi mitici: il Pazzo (Pazzini), il fantastico Fantantonio (Cassano). Poi i due campioni sono andati via (Pazzini al Milan e Cassano all’Inter). In questa storia si narra di una squadra che assalta un castello chiamato Champions League, una squadra che aveva altri paladini oltre i due già citati. Ora i tifosi della Sampdoria sognano un nuovo inizio, a partire dal nuovo campione Icardi, dopo la morte dell’amato Riccardo Garrone.

Lorenzo
VERRATTI E LA NAZIONALE
Verratti segna in nazionale! Sarà stata una gioia immensa per lui segnare in nazionale. Il diciannovenne centrocampista del Paris St Germain ha confermato la sua capacità di assumersi grandi responsabilità anche in nazionale.  Infatti lui pensa di poter assumere il controllo del centrocampo della nazionale, nonostante la sua giovane età. Ecco cosa pensa Prandelli in merito: “Verratti secondo me è molto maturo, forse però non è ancora pronto a prendere il comando del centrocampo della nazionale”.

COSA CAMBIERÀ PER L’ITALIA?
Verratti spera di conquistare un posto da titolare in nazionale, anche grazie a questo gol. Cosa ne pensa Prandelli:” Verratti è un giocatore di qualità ma è ancora troppo giovane per essere considerato un titolarissimo”

Queste sono le opinioni di due bambini di dieci anni rispetto alla loro grande passione, il calcio. Credo si siano un po’ paludati nelle riflessioni scritte che mi hanno lasciato. Comunque vedere i loro occhi quando giocano le loro squadre del cuore (due squadre sfigate: Napoli e Lazio) è impagabile e divertentissimo.

Vittorio Fresa

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article