Il Governo giallo-rosso alla ricerca di fondi e di se stesso

Palazzo Chigi sede del Governo
history 1 minuti di lettura

Potrebbe lasciare il segno l’annullamento della votazione per mancanza del numero legale, ma forse ciò che fa tremare di più il Governo giallo-rosso è la mancanza di risorse finanziarie per ripartire. Era atteso il nulla di fatto sul fronte europeo: ancora troppe divergenze tra paesi “ambiziosi” (Francia, Italia, Spagna) e “frugali” (Austria, Finlandia, Olanda, Svezia), senza dimenticare il Gruppo Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria).
Il Governo e l’Italia non hanno tempo perché le risorse disponibili sono poche e quelle europee arriveranno in quantità solo nel 2021. A meno che non si voglia far ricorso al Fondo Salva Stati (MES), ma Pd e Iv sarebbero pronti all’utilizzo, mentre il M5S è contrario e LEU ha i suoi dubbi. In alternativa c’è l’ulteriore e oneroso finanziamento con il debito pubblico già al 170% del Pil. O il Governo spera nei Btp Futura che saranno sul mercato il prossimo 6 luglio e non acquistabili dalle istituzioni garantendo ai privati un premio fedeltà dell’1%, che potrebbe però lievitare sino al 3%?

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article