“Il porno in internet è la più alta forma di democrazia” – I racconti musicali di Jocelyn Pulsar dalle aiuole autostradali

history 2 minuti di lettura

Uscirà il 21 Marzo 2012 il nuovo album del progetto Jocelyn Pulsar, alter ego di Francesco Pizzinelli che fin dalle prime note si presenta con uno stile asciutto dove le atmosfere musicali fanno da sfondo a testi che raccontano con ironia, e un tocco di romanticismo, storie di personaggi nei quali spesso ci possiamo ritrovare.

Aiuole spartitraffico coltivate a grano, questo il titolo dell’album, apre con 25000 anni fa, che propone una chiave di lettura del presente basato sull’evoluzione della nostra specie raccontandoci di un amore preistorico di due nostri antenati nella Milano che non c’era ancora.
Poi Cartoline che ci parla di un’estate di decine di anni fa, quando con le 200 lire si poteva ancora comprare qualcosa: eppure i suoni e colori del passato non sembrano essere così diversi da quelli del presente perché ancora oggi quando l’estate finisce, ci portiamo dietro ricordi e nostalgie (anche senza cartoline) che torneranno dopo un anno… “viva l’estate!”.
La soggettiva del frigo è il brano più geniale e dissacrante con l’affermazione delle maggiore forma di democrazia dei nostri giorni …il porno in internet.
Con Vale, Stefy, Cri assistiamo ad una storia di amiche nel classico stile autorale anni ’80 (a cavallo tra Dalla e Carboni). E proseguiamo con i ricordi anni ’80 nelle strofe di Me lo ricordo ricco di immagini televisive dei pomeriggi televisivi,  nei quali vedevamo i nostri musicisti preferiti nella Superclassifica di Maurizio Seymandi.

Altra cartolina d’amore in Lasciami con stile sempre accompagnata da sonorità ed atmosfere sonore vintage, mentre si scardinano gli schemi musicali in Inevitabilmente, naturalmente, il Cesena perde, che a tempo di marcia racconta il parallelo tra un amore e la squadra del cuore.
Tornano le atmosfere di ballata romantica nella splendida Sono tre giorni che piove che all’ascolto presenta l’arrangiamento più “moderno” ed anche più efficace. Si prosegue con Domani non vengo sempre a raccontarci uno spaccato di una relazione non ancora matura o non maturata.
Fagocitato chiude questo nuovo album con la leggerezza di sonorità latine e un arrangiamento di fiati che stacca con precisione in chiusura come una battuta ben calibrata di un capocomico.
Sono trascorsi 45 minuti piacevoli e ci restano ancora i colori ed i sapori di ricordi ed emozioni di amori vissuti o sperati.
La produzione di Matteo Costa Romagnoli per Garrincha Dischi tra il Donkey Studio di Medicina e lo Spektrum Studio di Bologna è da segnalare e, come detto, ha degli interessanti punti di eccellenza in alcuni brani.

Gido

genere: pop
JOCELYN POLAR
Aiuole spartitraffico coltivate a grano
etichetta: Garrincha Dischi
data di pubblicazione: 21 03 2012
brani: 10
durata: 45:00
cd: singolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article