In Iraq si muore per le proteste nel silenzio generale

history 1 minuti di lettura

In Iraq si continua a manifestare consecutivamente da tredici giorni. E si continua a morire con la polizia che spara a Baghdad e a Bassora uccidendo undici persone. Dal primo ottobre sono morte 270 persone e migliaia i feriti. Sono morti che non fanno notizia in Occidente. Il petrolio continua a uscire dalle raffinerie e ad arrivare sui mercati. La preoccupazione all’interno e all’esterno sono solo gli approvvigionamenti e le perdite dovute a blocchi e proteste.
Nella repressione c’è sicuramente il supporto degli uomini di Teheran che hanno più di un piede in Iraq. Quello che resta è che una nazione con una produzione energetica di primaria rilevanza non ha politici in grado di mettere in campo misure per condividere con la sua popolazione la ricchezza.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: