In memoria di Wisława Szymborska, poetessa polacca

history 1 minuti di lettura

Il 2 luglio 1923 nasceva a Kornik la grande poetessa polacca Wislawa Szymborska, che nel 1996 vinse piuttosto inaspettatamente, il Nobel per la Letteratura. A memoria credo sia stato uno dei pochi casi nei quali sia stata premiata una “poetessa pura”, cioè non impegnata in altri generi letterari.
In Polonia è molto popolare, alcuni suoi volumi di poesie hanno venduto fino a 500.000 copie.
I suoi versi, dove si fa largo uso delle litote, sono apparentemente lievi ma costituiti da versi di estremo rigore. Parole semplici ma che riescono a farsi strada nel lettore per la loro profondità. In questi versi non si parla di cose auliche ma delle questioni di tutti i giorni: visite mediche, amori difficili, persone che muoiono, libri, gatti scandalizzati, cipolle cipollizzate, sonniferi, oggetti smarriti e tante altre cose apparentemente banali, ma che affrontate con lo spirito della Szymborska diventano metafore della poetica del vivere quotidiano.
«Ascolta
come mi batte forte il tuo cuore»
(Wisława Szymborska, Ogni caso)

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article