In Visibile Scampia. Gli studenti del Liceo Elsa Morante fotografano il quartiere.

liceo elsa morante
history 1 minuti di lettura

Foto nitide, trasparenti. Raccontano di una bellezza tipica di chi impressiona il vissuto. Il verde che separa le costruzioni di una delle foto è lo spazio che divide ma che avvolge Scampia di un futuro naturale a cui affidarsi.
E del resto il benvenuto al quartiere è un’apertura oceanica a chi questo futuro vuole vederlo: «Welcome to Scampia. If you believe in Scampia, you will found a sea of love».
Le foto che vedrete in questa pagina sono il frutto della passione e dell’impegno che ragazze e ragazzi speciali hanno voluto dedicare al loro quartiere a dimostrazione che ci si può incamminare su percorsi perigliosi, pieni di insidie per costruire una vita per sé e per gli altri. Un strada lungo la quale la vera compagna di viaggio è la «cultura, l’unica arma di riscatto». Questo è forse il motto delle studentesse e degli studenti del Liceo Elsa Morante.

Simona Filippini e Manuela Fugenzi hanno accompagnato i ragazzi in questo processo narrativo per immagini passando per due momenti.
Il primo con tre lezioni sulla storia d’Italia vista atraverso la fotografia stimolando la classe ad una riflessione sull’identità guardando il territorio, osservando e producendo immagini della propria realtà anche spaziale.
Il secondo momento è stato quello della scelta, condivisa tra le ccordinatrici e la classe, di tutto il materiale visivo che è stato prodotto o trovato negli archivi.

Potrete ammirare tutte le foto sabato 16 marzo alle ore 11 presso Villa Pignatelli – Casa della fotografia – Riviera di Chiaia, 200 a Napoli. In quell’occasione potrete assistere alla proiezione del documentario In Visibile Scampia che narra di tutta l’esperienza e arricchito dalla colonna sonora degli ‘A67 da sempre in prima linea.

Buona visione

Ciro Ardiglione


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: