India: la pandemia è una vera catastrofe

bandiera dell'India
history 1 minuti di lettura

Un milione di contagi in tre giorni, 352.991 nelle ultime 24 ore, in India danno solo una parte della dimensione della catastrofe umanitaria. Gli ospedali sovraffollati con mancanza di personale sanitario, di letti ma anche di ossigeno. E anche i vaccini non sono sufficienti. I morti al giorno dichiarati sono circa tremila ma molti esperti sono convinti che il numero di decessi sia enormemente più elevato La Reuters scrive che nelle città più colpite, tra cui Nuova Delhi, “i corpi venivano bruciati in strutture di fortuna che offrivano servizi di massa”.
Mentre si bloccano i voli provenienti dall’India, USA, UE, Germania, Regno Unito e altri paesi offrono aiuto.
Questa pandemia non è tanto figlia di una maggiore trasmissibilità della variante denominata B.1.617, ma come ha scritto Sunny Jose su Indian Express il risultato di presupponenza, leggerezza nelle misure e nei comportamenti adottati, non ultimo l’uso di mascherine, susseguenti alla prima ondata durante la quale l’India è stata poco impattata.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: