Integrazione virtuosa: i rifugiati nelle comunità montane

Il Cervino Matterhorn nel lago blu
history 1 minuti di lettura

Pettinengo e Ormea sono due dei comuni dell’entroterra piemontese che vedono rinascere i loro borghi e le loro comunità grazie a rifugiati e richiedenti asilo. Un’integrazione virtuosa, insomma.
Montanari per forza”, è l’indagine da dove arrivano queste informazioni. Commissionata all’Associazione Dislivelli e Fieri dalla Compagnia di San Paolo che vuole approfondire il processo di accoglienza dei richiedenti asilo. Il Presidente di Dislivelli e Fieri Maurizio Dematteis ha spiegato che ora «la sfida è trasformare questi ‘montanari per forza’ in ‘montanari per scelta’. Perché all’inizio nessun rifugiato è troppo felice di essere destinato a un comune montano […] col tempo, qualcuno inizia a rendersi conto che – laddove nelle città spesso regnano pregiudizio e diffidenza e i confini europei sono sempre più blindati – in montagna, al contrario, c’è un gran bisogno di loro».

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article