Irlanda del Nord. La Brexit e le violenze di questi giorni

Irlanda de nord belfast
history 1 minuti di lettura

È da venerdì scorso che la tensione è salita in Irlanda del Nord. Tensione diventata violenza a Belfast a Derry e in altre parti con bombe incendiarie, lanci di mattoni, il dirottamento di un autobus e scontri con alcune decine di feriti tra i poliziotti. Alle violente manifestazioni da parte di giovani lealisti hanno partecipato anche ragazzi ben al di sotto dei diciotto anni. Oggi il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney, invitando i politici e le comunità a lavorare insieme per allentare le tensioni, ha detto che bisogna fermare le violenze prima che ci scappi il morto. La mobilitazione era in atto da settimane in particolare per le nuove regole, stabilite all’interno dell’accordo per la Brexit, che stabilisce il confine doganale tra Irlanda e Inghilterra in mare e questo anche a difesa degli Accordi di Pace per l’Irlanda del Nord. Le manifestazioni lealiste sarebbero anche una risposta alla decisione di non procedere con le accuse contro diversi membri di Sinn Féin che assistendo al funerale di uno storico leader del repubblicanesimo e dell’Ira, Bobby Storey avrebbero infranto le regole anti Covid-19.

 

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article