La Femme, Mystère

La Femme Mystère
history 2 minuti di lettura

Ci vuole la sfrontatezza della gioventù a pubblicare un album composto da diciassette brani e 75 minuti di durata e che attraverso un synth-pop accompagna tanti riferimenti e variazioni di genere, compresi quelle della tradizione cantautorale francese. E gli è riuscito molto bene. Sono i francesi La Femme che con Mystère appena uscito continueranno la loro scalata al successo, non solo in patria, dopo l’altrettanto acclamato esordio Psycho Tropical Berlin del 2013. In patria e fuori hanno avuto l’appoggio di molti personaggi del bel mondo artistico (su tutti Jean Michelle Jarre) e sostenuti nella crescita anche dalle scelta dei loro brani per alcune campagne pubblicitarie.

Parlare di un ottimo disco d’Oltralpe porta con sé un altro motivo: il mercato musicale occidentale è dominato dagli artisti anglosassoni e dalle scelte musicali che fanno le major e che spesso ci trascinano. Così quando si riesce a rompere l’assedio, per di più con un’opera importante, abbiamo raggiunto un piccolo traguardo.

La Femme
Prima di dar conto di alcune perle che compongono Mystère è bene presentare il sestetto nato a Biarritz nel 2010,  in seguito trasferitosi a Parigi, dalla volontà del tastierista e voce Marlon Magnée e del chitarrista e voce Sacha Got. Insieme a loro troviamo Sam Lefèvre (basso), Noé Delmas (batteria), Clémence Quéllenec (voce, tastiere) e Lucas Nuñez (percussioni). A loro si aggiungono diverse interpreti femminili che inevitabilmente disegnano un quadro sonoro originale nei suoi sviluppi.

La Femme MystèreE così dopo un’iniziale Sphynx dove la voce Clémence Quélennec addolcisce un ritmo quasi cupo, funesto e che si spegne dolcemente troviamo una ballata Le vide est ton nouveau prénom in grande stile, lenta e con il cantato femminile armonioso anche quando diventa coro da chiesa sperduta nel profondo e vuoto west americano e con Ou va le monde entriamo direttamente nelle note del Morricone che però assumono un sapore pop, a tratti surf e che mischia pure tinteggiature più forti con le voci maschili e femmnile che chiudono il cerchio a descrivere il loro marchio e dare il senso di una canzone pop.
Ma quelle voci che sanno di beat accompagnano bene anche il tambureggiante ritmo punk dei circa tre minuti Tatiana che non sfugge all’operazione del collettivo parigino.
Un altro passaggio importante per divertirsi con questo disco è Exorciseur voci maschili e femminili su un pop accompagnato da un hammond che poi da la stura ad un rap gentile per le voci ma stridente e con stilettate psichedeliche.
Se volete vederli all’opera i La Femme in Italia perché apriranno tre date italiane dei Red Hot Chili Peppers (e non è un caso) a Bologna e Torino, dall’8 all’11 ottobre.
Non vi curate di noi e ascoltate.
Ciro Ardiglione

genere: pop
La Femme
Mystère
data di uscita: 23 Settembre
etichetta: Disque Point
brani: 17
durata: 1h 14’ 35”
album: singolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article