La giornata del lavoro mancato

history 1 minuti di lettura

La giornata di oggi è la giornata delle crisi e delle proteste (a Roma). Delle speranze, purtroppo poche, di tutti quelle lavoratrici e lavoratori, sono 250.000 nel Paese, che si confrontano, con pochi strumenti, con la perdita del lavoro, con la cassa integrazione. Appunto la cassa integrazione che quest’anno ha ripreso la sua crescita +18,30%, sono quasi 122 mila i lavoratori che, compresa la C.I. a zero ore, non hanno potuto svolgere le loro attività. Sono circa 160 i tavoli aperti per le crisi al Ministero dello Sviluppo economico: Ast di Terni, Bekaert, Bosch, Cnh Industrial, Embraco Blutec, Ex Alcoa, Ex Ilva, Industria Italiana Autobus, Honeywell, Jabil, Whirlpool, … Nel paese poi ci sono moltissime persone che lavorano con stipendi e salari di fame e sono costantemente sotto ricatto.
L’incapacità di creare lavoro e di mantenerlo è un delitto perché non avere un lavoro e una fonte di sostentamento è impedire di vivere in maniera decorosa e, in alcuni casi, è impedire di vivere.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: