La pena di morte va abolita

history 1 minuti di lettura

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte possiamo continuare a registrare dei progressi come nel caso della Guinea e della Mongolia che si vanno ad aggiungere agli altri 140 paesi che di diritto o de facto (non si registrano esecuzioni da oltre dieci anni) hanno bandito la pena capitale. Secondo Amnesty International sono 56 le nazioni che ce l’hanno in vigore e sono in leggero calo le esecuzioni (993 nel 2017), mentre le sentenze emesse registrano cali maggiori. Questi dati non comprendono quelli relativi alla Cina che li considera segreto di stato. Ci sono ancora diversi casi di persone condannate a morte dopo che con la tortura si sono estorte loro confessioni.
In questa giornata Amnesty ha chiesto che «i prigionieri condannati a morte siano trattati con umanità e dignità e detenuti in condizioni rispettose delle norme e degli standard internazionali sui diritti umani».

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article