La sconfitta di Amazon a New York

history 1 minuti di lettura

Sembrava già tutto fatto: Amazon avrebbe costruito la sua seconda sede a New York dopo aver fatto una lunga selezione delle candidature provenienti da diverse città americane che provarono ad offrire agevolazioni di ogni genere pur di avere l’azienda in casa.
Un’opposizione vasta messa in atto da comuni cittadine e cittadini e politici di ogni livello ed in particolare la parlamentare Alexandria Ocasio-Cortez ha di fatto obbligato Jeff Bezos a fare marcia indietro. A New York, secondo la multinazionale del web, si sarebbero creati 25 mila nuovi posti di lavoro grazie ad investimenti per 2,5 miliardi di dollari e in cambio Stato e città avrebbe concesso 2,8 miliardi di agevolazioni. Perché concedere vantaggi ad un’azienda plurimiliardaria che comunque sfrutterebbe il mercato newyorkese?

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: