Le Memorie del 16 settembre: da La Plata a Sabra e Chatila

un campo di papaveri rossi al tramonto
history 1 minuti di lettura

Il 16 settembre è un giorno importante e triste per la memoria collettiva. Non è certamente il giorno seguente oscene adunate, contrassegnate da rituali che sarebbero ridicoli, se non fossero di (recente) governativa istituzione. La notte tra il 16 e il 17 settembre 1976, il regime di Videla, a La Plata, in Argentina, sequestrava sei studenti, facendoli scomparire nel nulla. Un avvenimento terribile che si aggiunse a migliaia di “casi” di persone, soprattutto giovani, desaparecidos, separati per sempre dai propri cari. Qualche anno più tardi, nei campi profughi di Sabra e Shatila, alla periferia di Beirut, un attacco congiunto di forze armate libanesi e israeliane, colpì centinaia di innocenti, massacrandone un numero enorme (si parlò di sette/ottocento morti). Questi due avvenimenti segnarono per sempre i destini di due zone del Mondo, consegnando alla storia il ricordo dei tanti martiri dell’ingiustizia e del terrore

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article