Le task force. Il vecchio che avanza.

italia
history 1 minuti di lettura

Quando si legge della task force “operativa” (e non è la sola) ci vengono in mente alcun domande. Ad esempio la prima riguarda la sua composizione dal suo capo, Vittorio Colao supermanager internazionale a buona parte dei suoi componenti. Molti tecnici economici (7 su sedici) e tutti con uno sguardo rivolto all’attuale sistema economico-produttivo, un tributarista, un giuslavorista, tre alti dirigenti della pubblica amministrazione… Nessuno che sia in grado di posare lo sguardo verso un futuro diverso. Il Presidente del Consiglio non si è preoccupato di pensare a chi rappresenta i diritti delle persone, a chi a una visione chiara delle problematiche ambientali e che possa dire la sua, per esempio, sulle infrastrutture gigantesche.
La seconda domanda, conseguenza della prima, un mondo di tecnici, a vario livello, non dovrebbero organizzare il futuro di una società e, allora, dov’è la politica? Dov’è una visione diversa della società? Se questa recessione farà danni inenarrabili soprattutto ai milioni di deboli e poveri, la nostra politica pensa di affrontare questa crisi con i soliti tecnici e con le solite ricette?

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article