L’Europa a rischio sopravvivenza

parlamento europeo
history 1 minuti di lettura

La pandemia ha puntato i riflettori sulla crisi che da anni attraversa l’Europa. In molti sanno che potrebbe arrivare il bollettino che ne decreta lo stato comatoso e poi la certificazione della sua scomparsa. Macron l’ha chiarito in un’intervista al Financial Times a proposito delle risorse finanziarie. Il compromesso con la Merkel che porterebbe ad altre risorse finanziarie attraverso un prestito garantito dal bilancio Ue e di «una mutualizzazione rispetto al debito futuro che si produrrà nel piano di ricostruzione», secondo le parole di Davide Sassoli, presidente del Parlamento Europeo servirebbe a questo. Ma, a parte l’ennesimo ritardo e gli errori già commessi in sede europea, quello che le élites non vogliono comprendere, data la gravità della recessione, è la necessità di andare oltre e, contrariamente a quanto vietato, è il finanziamento monetario delle spese per la ripresa  (o di buona parte di esse) da parte della Banca centrale europea il modo per usare risorse adeguate e per salvare l’Europa e l’Italia.
Nel frattempo la politica italiana, durante la votazione delle misure al Parlamento europeo, si è presentata a dir poco confusa.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article