L’Europa deve aprirsi alle differenze e alla tolleranza narra Ai Weiwei

history 1 minuti di lettura

L’artista e attivista contemporaneo cinese Ai Weiwei presenterà il primo settembre al Festival di Venezia il suo docufilm Human Flow, il risultato di un anno di riprese in viaggio seguendo i migranti con il loro carico di drammatica quotidianità, spesso oggetto di violenze, per ventitré paesi. In un’interessante, quanto chiara negli intenti, intervista all’Espresso Ai Weiwei ha detto, da rifugiato che vive in Germania, che «se l’Europa vuole restare unita e salvare il suo comune benessere, deve aprirsi alle differenze, alla tolleranza, a strutture politiche che garantiscano e proteggano i diritti umani di base».
Non ci saranno muri che possano tenere fuori un flusso continuo e di queste proporzioni.

 

 

 

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article