Massimo Carlotto, Il turista

Massimo Carlotto Il turista
history 4 minuti di lettura

Massimo Carlotto si misura in questo romanzo con un serial killer.
Il Turista è diventato famoso e inafferrabile per le polizie di tutta Europa.
Massimo Carlotto Il turistaCon il suo metodo, con la sua freddezza ha organizzato la sua vita affettiva – una moglie e un’amante compatibili con la sua necessità di spostarsi per lunghi periodi -, la sua vita lavorativa e le sue “imprese”.
Donne intraviste, spiate, seguite fin sulla soglia di casa diventano le sue vittime.
La cifra del suo agire sta nella sua smania di portare via le borse delle vittime e disporre tutti gli oggetti trovati sul letto per ripercorrerne la vita e i segreti più nascosti.
Venezia è divenuta una delle sue città preferite con le sue mille storie, le sue atmosfere e le sue inguaribili malinconie.

Citazione 1
Fu il rumore disinvolto e arrogante dei tacchi ad attirare la sua attenzione sulla donna. Si voltò quasi di scatto e la vide avanzare fendendo il folto gruppo di passeggeri che erano appena scesi da un treno ad alta velocità proveniente da Napoli. L’uomo ebbe il tempo di osservare la falda del soprabito primaverile che si apriva ad ogni passo, permettendo un’occhiata fugace alle gambe dritte e tornite, messe bene in mostra da un vestito corto e leggero.

Il destino lo mette sulle tracce di una donna bella e misteriosa. Il destino lo porta a compiere un delitto che sconvolgerà tutto: strutture parallele, servizi segreti, zone d’ombra delle polizie, una guerra invisibile tra quelli che si sentono i buoni e i cattivi.
Su tutto un’immane cappa di violenza che non rispetta nessuno e distrugge le vite di quelli che s’impigliano nei suoi meccanismi. Ogni donna, ogni uomo è sacrificabile per un obiettivo che risulta chiaro a pochi.
Il Turista, quest’uomo freddo e senza alcuna idea di pietà, finirà con lo scontrarsi con il suo perfetto antagonista, Pietro Sambo, un poliziotto espulso per corruzione, un uomo ormai solitario e senza speranze.
Il poliziotto fallito e il serial killer dovranno giocare una partita sempre più complessa per districarsi tra poteri forti e crudeli.

Citazione 2
Nel silenzio che opprimeva l’appartamento, distinse perfettamente il rumore della chiave che girava nella toppa della porta d’ingresso. Qualche attimo più tardi apparvero due uomini. Sembravano viaggiatori appena giunti in città. Il più anziano doveva essere vicino alla sessantina. Capelli e barba ben curata, candidi come la neve. Indossava un completo a doppio petto e scarpe costose. Sembrava un manager di qualche grossa azienda, anche per l’elegante valigetta che appoggiò delicatamente sul tavolo. L’altro invece era molto più giovane e tutto in lui suggeriva violenza e brutalità.

La vicenda ci condurrà a un esito amaro e poco atteso. Il Turista e Pietro Sambo non rinunceranno però a proseguire la loro personalissima guerra.
Disinvolto l’uno, impacciato l’altro; al servizio di due forze davvero contrapposte sembrano, incredibilmente, gli unici in grado di giocare secondo una regola, secondo un codice, secondo qualcosa in cui credere.
Il serial killer e il poliziotto sembrano dialogare su di un punto: il rifiuto, il fastidio e quasi lo sdegno verso tutti quelli che, mentre sembrano difendere la legge o uno stato, calpestano ogni regola e ogni dignità umana, in nome di una missione e di un compito che risultano spesso molto sfumate.
In fondo, Carlotto sembra quasi interrogarci e interrogarsi sulla mostruosità di ogni violenza che, partendo da un’esigenza soggettiva (il serial killer) o da una supposta necessità di pubblica tutela, dimentica la sacralità della vita e il diritto di tutti ad avere un futuro.
Pietro Sambo, questo strano investigatore, con il marchio del perdente, riesce però a recuperare un poco della sua volontà e riserverà al lettore delle inattese sorprese.

Citazione 3
Il Turista, dal suo nuovo rifugio, li aveva sfidati più volte a rendere pubblico quanto era accaduto a Venezia. E non era un tentativo per accrescere ulteriormente la sua fama. In realtà si trattava di una minaccia. Abel Cartagena era convinto che fosse un modo efficace per ricordare che non conveniva a nessuno continuare ad investigare per trovarlo e arrestarlo. E lo stesso discorso valeva per Zoé Thibault, la sua nuova compagna.

Antonio Fresa

Massimo Carlotto
Il turista
Rizzoli, 2016
Pagine 304; € 18,00

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article