Medio Oriente. L’uccisione di Qassem Soleimani

history 1 minuti di lettura

Non so se ha ragione Pierre Haski quando scrive che “forse Donald Trump non l’ha ancora capito, ma da venerdì gli Stati Uniti sono ufficialmente entrati in guerra con l’Iran”, ma una cosa è certa le lancette sono più vicine all’ora della guerra in Medio Oriente.
Eliminare il numero due di uno Stato è un atto di guerra e le logiche di questo mondo sono note. Al di là della retorica da una parte e dall’altra, la sostanza è che da quando è arrivato alla Casa Bianca, Trump ha iniziato un’escalation contro l’Iran.
Le prime risposte all’uccisione sono stati due attacchi contro gli americani in Iraq,
Quello che sorprende  è il diffuso sottolineare il “terrorista” Qassem Soleimani, capo delle unità di élite delle Guardie rivoluzionarie iraniane, ma dimenticano che la guerra e l’invasione dell’Iraq è avvenuta da parte occidentale e con una colossale bugia a proposito delle armi chimiche di Saddam. Quei morti, quelle distruzioni non sono terrorismo?

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: