Morire di lavoro: Laila El Harim

quadro morti bianche lavoro
history 1 minuti di lettura

Laila El Harim, il 21 agosto avrebbe compiuto 41 anni, lascia la figlia di 5 anni e un compagno. Sarebbe stata inghiottita da un macchinario per la fustellatura delle scatole nella fabbrica dove lavorava, nella provincia di Modena. Era stata assunta da qualche mese.
L’Inail aveva denunciato che nei primi tre mesi del 2021 c’è stato un aumento dell’11,4% e fino a maggio le morti sono state 434. Domenico Chiatto, componente della segreteria Cisl Emilia Centrale con delega alla salute e sicurezza sul lavoro, ha spiegato che nel Modenese gli ispettori del lavoro sono calati del 30%, aggiungendo che «ci sono 58 mila aziende [e] che esistono luoghi di lavoro dove un ispettore non si vede per anni. E sarebbe meglio che gli ispettori arrivassero prima delle tragedie».

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: