Mozambico: i bambini vittime di un’altra guerra dimenticata

Mozambico Maputo
history 1 minuti di lettura

Oggi Save the Children ha denunciato che nella provincia del Mozambico di Cabo Delgado sono stati decapitati bambini anche di soli 11 anni. La denuncia arriva dopo che l’organizzazione internazionale ha parlato con “alcune delle migliaia di famiglie di sfollati, che hanno riportato scene orribili di omicidi, dolore e perdita di persone care”. Non è la prima volta che arrivano notizie di efferati omicidi. Il conflitto dimenticato in Mozambico, come in altre parti del Pianeta, ha provocato, dal 2017, la morte di 2.614 persone di cui la metà civili. Scrive Save the Children che sono circa 950mila le persone a Cabo Delgado, Niassa e Nampula che stanno affrontando la fame a causa del conflitto e dei ripetuti sfollamenti. Di queste 950mila, circa 670mila sono sfollati. Cabo Delgado sconta anche i drammatici effetti di continui “shock climatici” tra cui quelli correlati al ciclone Kenneth nel 2019.
È in corso una vera è propria guerra, in queste zone del Nord al confine con la Tanzania e ricche di risorse naturali, tra terroristi jihadisti e l’esercito con un’escalation, da una parte e dall’altra, dei combattenti e delle atrocità negli ultimi mesi.

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article