Myanmar: gli scontri si allargano alle minoranze etniche

Myanmar manifestanti
history 1 minuti di lettura

Militari e forze di sicurezza del Myanmar continuano a fare strage di civili. Anche oggi dopo il sanguinoso fine settimana appena trascorso si parla di un altro morto e diversi feriti a Yangon. Mentre ci sono state proteste in altre città del paese. Sabato c’è stato un massacro con 114 civili ammazzati, tra cui almeno sei bambini, e domenica i militari avrebbero anche aperto il fuoco durante un funerale.
La situazione diventa ancora più incandescente con la ripresa degli scontri con le minoranze etniche che si oppongono al governo centrale. Le agenzie riferiscono anche di bombardamenti al confine con la Thailandia. Più di un gruppo armato che aveva accettato il cessate il fuoco hanno ripreso ad attaccare i militari.
L’opposizione tenta d coagulare tutte le forze contro i militari. Il General Strike Committee of Nationalities (GSCN) uno dei più importanti gruppi di protesta ha chiesto via Facebook alle forze delle minoranze etniche di sostenere chi si sta opponendo al golpe.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: