Obbligo vaccinale e Green Pass obbligatorio per i lavoratori

vaccini covid-19
history 1 minuti di lettura

La strada maestra avrebbe dovuto essere quella dell’obbligo di vaccinarsi per tutti, senza distinzioni di sorta tra i cittadini. Non ci sarebbero problemi giuridici, nella nostra Costituzione ci sono le norme che consentono quell’obbligo. E ci si poteva lavorare per tempo. Evidentemente ci sono ragioni di opportunità politica e tralasciando le opportunità per la salute di tutti. E così alla fine il Governo Draghi ha deciso di obbligare tutti i lavoratori, privati e pubblici, a presentarsi nella propria sede di lavoro con il “Green Pass”. I lavoratori non vaccinati dovranno metter mano alla propria tasca e effettuare il tempone per entrare in azienda. Il leader della CGIL, Landini in un’intervista su la Repubblica chiarisce che i sindacati avrebbero voluto l’obbligo per tutti e non “imporre un costo per esercitare il diritto al lavoro in un Paese con bassi salari [che] è sbagliato e rischia di essere controproducente rispetto all’obiettivo dichiarato. […] In più la decisione del governo rischia di produrre divisioni nei luoghi di lavoro e creare conflitti di cui non abbiamo affatto bisogno“.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: