The Proper Ornaments, Six Lenins

musica concerti
history 2 minuti di lettura

Quando gli Ultimate Painting si sciolsero stavano per pubblicare ll loro quarto disco, a detta di chi è riuscito ad ascoltarlo forse la loro cosa migliore, in una produzione già di alto livello, anticipato dal singolo “Not Gonna Burn Myself Anymore”, l’album UP! Non ha mai visto la luce, la Bella Union loro casa discografica ne bloccò l’uscita.

Jack Cooper e James Hoare, i depositari del marchio Ultimate Painting hanno fin dall’inizio avuto rapporti complicati, ma con il passare del tempo la convivenza era diventata insostenibile. Definivano la loro musica una reazione contro il disordine della vita moderna, purtroppo si sono logorati prima del tempo.
Le loro chitarre Lo-Fi, gli intrecci melodici languidi e imperfetti, la malinconia latente che accompagnava ogni canzone il loro
pop-minimalista difficilmente avrebbe trovato degli eredi.

Dopo il divorzio Hoare ha ripreso un vecchio progetto con Max Claps che a causa di malattie e abusi di droghe si era interrotto nel 2017, insieme a loro la sezione ritmica del batterista Robert Syme e il bassista Daniel Nellis. In sole due settimane i Proper Ornaments registrano un nuovo disco, “Six Lenins”, il loro neo-psych-folk si fonde con le atmosfere anni 60 della West Coast, resta poco delle vecchie esperienze dei Proper Ornaments le chitarre distorte sono un vago ricordo tutto si dipana ora in una zona più tranquilla sebbene non manchino anche qui riferimenti ai Velvet Underground (In the garden).

Non è certamente un disco rivoluzionario, ma ci sono almeno due gioielli come “Where Are You Now” e “Can’t Choose Your Name”, molto vicine ai Beatles più di quanto lo sia “Song for John Lennon” lo stravagante primo singolo scelto dal gruppo.
Il resto del disco scorre via senza sforzo, gli Ornaments riescono con grande naturalezza a mettere insieme un progetto molto più ampio ed emozionante, un percorso che vale la pena di seguire.
Quelli di noi che erano amareggiati per lo scioglimento degli Ultimate Painting possono tirare un sospiro di sollievo, i The Proper Ornaments sono una valida alternativa, ed aspettiamo fiduciosi il nuovo progetto di Cooper i Modern Nature.

Cesare de Stefano

genere: psych-folk
The Proper Ornaments
Six Lenins
etichetta: Tapete Records
uscita: 5 aprile 2019
brani: 10
durata: 00:37:32
album: singolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: