Recovery Fund. Un’Alta Velocità diversa

Palazzo Chigi sede del Governo
history 1 minuti di lettura

L’Italia disporrà, oltre ad altre risorse UE, 209 miliardi di euro dal Recovery Fund. Abbiamo dubbi sull’utilizzo prioritario per abbattere disuguaglianze, per investire in attività che rendano sostanziali i diritti come quello alla salute o all’istruzione e per supportare una veloce e sostanziale transizione ecologica (c’è una spasmodica quanto pericolosa attenzione alla TAV). Vedremo.
Nel frattempo si delinea il metodo di lavoro per il piano che «verrà declinato con un cronoprogramma» e che parte dalle riunioni del Ciae, Comitato interministeriale affari europei, nato con Monti (non è un bell’auspicio), dove oltre ai ministeri possono partecipare anche le amministrazioni locali. Si parla del varo di due commissioni parlamentari monocamerali che diano l’indirizzo al Governo, utili a coinvolgere il Parlamento e l’opposizione malleabile, Forza Italia, che vedrebbe Brunetta a capo di una delle due (e nemmeno questo un buon auspicio).
Noi ricordiamo che dall’ex Ilva, alla Whirlpool, alla Roberto Cavalli sono molte vertenze aperte per crisi e sono a rischio 300.000 lavoratori e di questi 135.000 a stretto giro. E qui che serve l’Alta Velocità.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article