Regno Unito: i numeri del coronavirus allungano il lockdown

coronavirus covid-19 pandemia ricerca
history 1 minuti di lettura

Quello che accade in questo giorni in Europa e nel Regno Unito in particolare è l’ennesima constatazione della difficoltà delle leadership di contrastare il coronavirus. Le decisioni vengono prese, cambiate, capovolte o cancellate.
Il Regno Unito è partito prima degli altri in Europa ad autorizzare i vaccini e ad inocularli. In Inghilterra siamo al terzo e particolarmente rigido lockdown, rimovibile solo dopo la metà di febbraio. Boris Johnson ha detto che le prossime settimane saranno le “più difficili di sempre“. Tutti a casa e tutto chiuso salvo le attività necessarie, Le scuole appena riaperte repentinamente richiuse.
Ieri si contavano circa 59.000 contagiati (quasi 54.000 in Inghilterra), le morti 407 che fanno arrivare a oltre 75.000 quelle totali. Sono quasi 24.000 i ricoverati negli ospedali.
Secondo l’ultimo aggiornamento dell’ OMS, nell’ultima settimana del 2020, il Regno Unito registrava un tasso di notifica di nuovi casi in 14 giorni pari a 720 per ogni 100.000 persone, più del doppio rispetto a Francia, Germania, Italia e Spagna.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article