Rose City Band, Summerlong. Un disco per (fine) estate

ROSE CITY BAND Summerlong
history 2 minuti di lettura

Il californiano Ripley Johnson frontman dei Wooden Shjips e metà del Moon Duo responsabile di alcuni degli album più psichedelici misteriosi e seducenti degli ultimi anni, ha deciso quasi per scommessa di formare i Rose City Band.

Ripley Johnson ha stabilito con questo progetto di fondere psichedelia e country dove ad emergere sono canzoni calde e pigramente melodiche nelle quali c’è più il gusto per il divertimento e i ritmi estivi.
Le linee di chitarra ricordano più quelle dei Byrds o dei Little Feat, in poco più di quaranta minuti percorriamo un lungo viaggio che ci porta dai Canned Heat, Grateful Dead a quell’indolenza tipica dei Velvet Underground.
Lo stile vocale nostalgico di Johnson segna trame minimaliste, adatte a quelle giornate estive in cui splende un limpido sole.

Il progetto Rose City Band nasceva nel 2019 con il disco omonimo dove però mancava di quella impronta psichedelica ed era troppo votato al rock classico e, così, si aveva l’impressione che il gruppo fosse poca cosa e che non avesse alte pretese.

Ma Summerlong ci offre un ascolto decisamente accattivante, qui non si cerca di tracciare nuove strade cosmiche, la voce di  Johnson è piacevolmente contagiosa e le chitarre libere dalla routine sono caratterizzate da un ritmo ipnotico, brillante, geniale.
Genio, passione e follia questo è Ripley Johnson, alcune delle sue canzoni potrebbero diventare in futuro dei classici, e proprio come faceva Jerry Garcia con i Grateful Dead dove alcuni suoi progetti sembravano slegati rispetto al resto dei lavori del gruppo anche qui presto abbiamo la speranza che si stia trasformando in qualcosa di veramente nuovo.
Chi meglio di lui riesce a dare una spiegazione della sua nuova esperienza “Mi piacciono i dischi difficili da definire in termini di umore. Sono felici e tristi allo stesso tempo”.
Sarebbe stato interessante poterli vedere dal vivo ma per ora questo ci è stato impedito, e il nostro non è neanche un fan dei concerti online.

Intanto il vinile si sta lentamente deteriorando sul giradischi, e assorbiamo la calma e la serenità che i Rose City Band ci infondono, ogni tanto fa bene sedersi e prendere le distanze dalla negatività che incontriamo ogni giorno, loro ci offrono un calore confortante come solo un vecchio amico potrebbe fare ed è difficile immaginare che qualsiasi altra band oggi sia in grado di eguagliare.
Cesare de Stefano

genere: Psych country
Rose City Band
Summerlong
etichetta: Thrill Jockey
data di uscita: 20 maggio 2020
brani: 8
durata: 00:40:47
album: singolo

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: